MondoLapDance - Il portale italiano della LapDance
 Login
 MondoLapDance
 Forum
 MLD in provincia
Complottiamo?
Torna al forum . . .

Pagina: 1 . . . 93 94 95


Ciabattino

461 post
Porte girevoli 18.9.2016 - 9:40 - #941

Dalle istituzioni alle banche d’affari e viceversa. La storia si ripete e questa volta fa rumore perché nell’occhio del ciclone è finito l’ex presidente della Commissione europea Josè Manuel Barroso, ‘ingaggiato’ da Goldman Sachs. Ma era già successo in passato. Anche con molti italiani, esponenti politici di spicco. Chi? L’ex presidente del Consiglio ed oggi senatore a vita Mario Monti, per esempio, international advisor dal 2005 al 2011 della stessa Goldman; l’ex premier (per due volte a palazzo Chigi) ed ex presidente della Commissione Ue Romano Prodi dal 1990 al 1993; Gianni Letta, potente sottosegretario alla presidenza del Consiglio con Silvio Berlusconi; il presidente dimissionario del Monte dei Paschi Massimo Tononi, già sottosegretario all’Economia nel secondo governo Prodi, partner ed advisor director della banca d’affari per la quale ha lavorato a più riprese, dal 1988 al 1993 e poi dal 2008 al 2010. Nel lungo elenco anche nomi eccellenti di personalità che non sono mai entrate nell’agone politico né hanno guidato governi o dicasteri, come il presidente della Bce Mario Draghi che non è stato solo un advisor di Goldman Sachs, ma anche vicepresidente e managing director dal 2002 al 2005 dopo essere stato però direttore generale del Tesoro (1999-2001) e prima di assurgere al ruolo di governatore di Bankitalia e Bce.
CODICE ETICO In Italia nessuno mai ha sollevato grandi problemi per questi numerosi passaggi. Il contratto di consulenza che lega Barroso a Goldman Sachs invece è finito sotto i riflettori del Parlamento europeo dopo la richiesta di oltre 50 deputati al Mediatore Ue Emily O’Reilly di verificare la correttezza della nomina. Ora a decidere sarà un Comitato etico che dovrà appurare se Barroso non abbia violato l’articolo 245 del trattato sul funzionamento dell’Ue, secondo il quale gli ex membri della Commissione “assumono l’impegno solenne di rispettare, per la durata delle loro funzioni e dopo la cessazione di queste, gli obblighi derivanti dalla loro carica, ed in particolare i doveri di onestà e delicatezza per quanto riguarda l’accettare, dopo tale cessazione, determinate funzioni o vantaggi”.

BANCHE GIREVOLI Ma non c’è solo Goldman Sachs ad attuare la strategia delle revolving doors, delle porte girevoli, dalla politica alla finanza e viceversa. Anche Unicredit si è avvalsa di illustri consulenze per il suo internationl advisory board: da Javier Solana, ex alto rappresentante per la politica estera Ue, all’ex presidente polacco Aleksander Kwaśniewski; da Joschka Fischer, ex ministro degli Esteri della Germania e vice-cancelliere a Romano Prodi, nominato nel 2014 presidente della struttura. «Lì a titolo gratuito a rappresentare l’Italia», aveva tenuto a precisare lo stesso Professore al momento della nomina, succedendo nell’incarico a Giuliano Amato, che a sua volta era stato nominato nel 2010 senior advisor di Deutsche Bank. Nella lista anche Augusto Fantozzi, più volte ministro (Finanze, Commercio estero e Bilancio) tra il 1995 e il 1998: dal 2008 al 2013 LUI è stato senior advisor della banca d’affari francese Lazard.

QUESTIONE DI STILE Ma non è finita. Nella lista c’è anche Domenico Siniscalco, ministro dell’Economia in due governi Berlusconi, che nel 2006 è diventato managing director e vicepresidente di Morgan Stanley International e l’anno successivo ha assunto la carica di country head per l’Italia per la stessa banca d’affari. Certo, in Italia non ci sono norme simili a quelle del Trattato sul funzionamento dell’Ue ad impedire che anche da ex premier o ministri si possano occupare poltrone di rilievo in istituti di credito o banche d’affari. Semmai, si può parlare di opportunità e di delicatezza nell’accettare determinati incarichi.

RIMETTIAMO I DEBITI Come dimostra la decisione di queste ore della Procura regionale per il Lazio della Corte dei Conti di convocare proprio Morgan Stanley, insieme agli allora dirigenti del Tesoro Domenico Siniscalco e Vittorio Grilli, anch’egli ex ministro dell’Economia (governo Monti) ed oggi capo della divisione Corporate and Investment Banking per Europa, Medio Oriente e Africa di JP Morgan, il colosso finanziario americano, protagonista insieme a Mediobanca del piano di salvataggio del Monte dei Paschi. Il tribunale contabile vuole far luce sui contratti stipulati con la banca d’affari americana tra il dicembre 2011 e il gennaio 2012, con una perdita per lo Stato di tre miliardi di euro, e per i quali era prevista una clausola che i magistrati ritengono incompatibile con gli obiettivi di gestione del debito pubblico.

USA E GETTA Ma i giganti della finanza non attuano la politica delle revolving doors soltanto in Europa. Anche a casa loro, negli Usa, la praticano con larghezza. Proprio Goldman Sachs è stata un trampolino di lancio verso la Casa Bianca per Robert Rubin e Henry Paulson che, entrati in politica, sarebbero poi diventati addirittura segretari del Tesoro. Nel 2007-2008, proprio nelle vesti di segretario del Tesoro, Paulson si ritrovò addirittura tra le mani la patata bollente della crisi finanziaria Usa, promuovendo insieme al capo della Federal Reserve Ben Bernanke, un ciclopico piano di salvataggio del sistema finanziario americano. E, da allora, le revolving doors hanno continuano a girare.

di di Ferdinando Regis*

Ciabattino

461 post
Re: Porte girevoli 16.10.2016 - 10:06 - #942

Quest'anno per la prima volta nella mia vita sto dedicando del tempo a seguire la campagnia elettorale per l'elezione del quarantacinquesimo presidente degli stati uniti d'america.
La ragione di questo mio nuovo interesse non sta nel fatto che questa elezione la considero più interessante delle precedenti, continua a mio avviso ad essere la solita pagliacciata che prova ad illudere gli elettori, fortunatamente però sembra sempre con meno efficacia, di stare partecipando al massimo esercizio di quella farsa chiamata democrazia,
("Per conto mio, dopo cinquant'anni di esperienze, mi sono fatto la convinzione che la democrazia rappresentativa sia un metodo per metterlo nel culo alla povera gente col suo consenso. Una truffa .Noi votiamo gente che non ci rappresenta affatto, che una volta messo il deretano sulla cadrega pensa solo al miglior modo per conservarla. Al momento del voto vengono da noi a mendicare il consenso, strisciano come vermi -del resto sono vermi- per pietire una crocetta sul loro nome plebeo, ammiccano come puttane per catturare la nostra attenzione, ma «passata la festa, gabbato lo santo», Massimo Fini)
ma ho deciso di seguirla per toccare con mano quanto siano di parte i principali media americani (mainstream) e di conseguenza di quanto lo siano anche quelli degli stati filoamericani visto che si limitano a riportare acriticamente quanto pubblicato dai suddetti organi di informazione statunitensi.
Grazie al pittoresco personaggio Trump quest'anno questo aspetto della partigianeria dei media è sfacciatamente evidente tanto da permettermi di divertirmi non poco a leggere certi articoli pro Clinton scritti da seri esperti di comunicazione e giornalismo.
Naturalmente questo divertimento ha un prezzo da pagare, non è regalato, ho dovuto per esempio, sorbirmi i due duelli televisivi fin qui fatti dai due sfidanti.
Degli articoli che ho letto e che mi hanno fatto divertire merita indiscutibilmente la palma del migliore, sotto diversi punti di vista, quello trovato sull'edizione digitale de "IlFattoQuotidiano.it" scritto da tal Massimo Cavallini, giornalista senza dubbio da tenere sott'occhio in futuro visto il talento dimostrato in questo pezzo
Se si vuole gustare a pieno la perfomance del Cavallini, come detto, bisogna pagare il biglietto e guardarsi i 90 minuti del primo confronto televisivo tra Trump e Hillary, ma comunque credo che anche chi non voglia arrivare a tanto possa trovare alcuni motivi di divertimento nel leggerlo perché si tratta di un pezzo con non poche trovate esileranti come ad esempio questo video:

Dopo aver guardato i due confronti e letto alcuni articoli sull'argomento di diversi editorialisti l'idea che mi sono fatto è ben riassunta dalla seguente frase tratta da questo articolo condivisibile trovato sempre su "ilFattoQuotidiano.it" a firma del filosofo Diego Fusaro:
"l ’aspetto che più sorprende della campagna elettorale statunitense è che palesemente la Clinton e i suoi sostenitori non sembrano avere sostanziali argomentazioni se non quella che fa leva sul fatto che non deve vincere Trump" " e provano a sconfiggerlo spingento molto sul comportamento da bullo che il magnate nuyorkese ha avuto con le donne che "si voleva fare.
Anche in questo caso ho avuto la curiosità di andare a vedere il filmato del 2005 che ha creato tanto scalpore e che la sua rivale democratica Hillary ha subito commentato con questo tweet "E' terribile. Non possiamo permettere a quest'uomo di diventare presidente":



Non sono un mago della lingua inglese ma grazie anche ai sottotitoli si capisce chiaramente che le frasi TERRIBILI, che Trump pronuncia raccontano che una volta ha trovato una tipa sposata in un negozio di mobili e ci ha provato pesantemente come se fosse una prostituta ma lei non ci è stata.
Lo si vede quindi scendere dal pulman.
Poi prima di scendere dal pulman (per la seconda volta con la cravatta di un colore diverso) dove ad aspettarli c'è la topolona bionda dice che è meglio se mastica dei tic tacs perché le bellezze lo attraggono come un magnete, non riesce ad aspettare, le bacia subito e loro lo lasciano fare perché….., e a questo punto dice una cosa da non credere veramente "si lasciano baciare, quando sei una star si lasciano fare di tutto, le puoi prendere anche per la figa". Ma davvero Trump?
Quando nel secondo confronto Trump ha dovuto rendere conto di questo terrificante filmato si è difeso dicendo che si trattava di chiacchere da spogliatoio e niente di più e a giudicare da come si è comportato nello stesso filmato una volta sceso dall'autobus, c'è da credergli visto che se non c'era il giornalista ha invitare la ragazza ad abbracciare Trump lui mica si era dato una mossa nel baciarla.
Se vogliamo infierire sul finto macho Trump si potrebbe anche mettere in evidenza il fatto che mentre poi risponde all'abbraccio col bacio della biondona Donald si preoccupa di dire che la moglie (Melania) l'ha autorizzato a farlo.
Sono anch'io d’accordo quindi che per quanto visto e ascoltato in questo video il magnate meriti di essere pesantemente rimproverato perchè da quando in qua in un discorso da spogliatoio tra uomini si dichiara di non essere riuscito a conquistare la preda? Un meritato e sonoro Bu per Donald Trump.
L'altro grande argomento usato dalla Clinton per cercare di screditare il repubblicano e permetterle quindi di occupare lo studio ovale della casa bianca è quello del fatto che Donald Trump ha usato delle scappatoie fiscali per non pagare le tasse federali.
Anche questa accusa rivolta dalla candidata dell'asinello a quello dell'elefante credo la conoscano un pò tutti in italia anche quelli che non seguono la campagnia elettorale americana perché si è sentito e si continua a sentire alla radio alla televisione, nei titoli dei giornali però non mi sembra che le persone che non seguono la vicenda e si accontentano o subiscono solo le informazioni modello "mordi e fuggi" dei nostri media mainstream possano dire di conoscere altrettanto bene la risposta di Trump a queste accuse.
Secondo me se i nostri media volessero realmente essere imparziali dovrebbero mandare in onda o riportare quanto si sono detti gli sfidanti nel secondo duello televisivo dal minuto 47 al 57:





Pescecontro_

328 post
Re: Re: Porte girevoli 18.10.2016 - 12:36 - #943

Ho letto tutto e l'ho trovato interessante Ciabattino!
Scusa quindi se ora metto il link ad una notizia di tutt'altro genere...

http://www.supereva.it/esperto-ufo-se-mi-succede-qualcosa-indagate-pochi-giorni-dopo-muore-21555?ref=libero

Pescecontro_

328 post
Re: Re: Re: Porte girevoli 20.10.2016 - 10:50 - #944

Pescecontro_ ha scritto:
Ho letto tutto e l'ho trovato interessante Ciabattino!
Scusa quindi se ora metto il link ad una notizia di tutt'altro genere...

http://www.supereva.it/esperto-ufo-se-mi-succede-qualcosa-indagate-pochi-giorni-dopo-muore-21555?ref=libero


Aggiungerei anche quest'altro articolo che parla di un'altra morte "sospetta" in cui mi sono imbattuto:

http://zret.blogspot.it/2012/06/la-misteriosa-morte-di-serge-monast.html

Questi casi mi fanno tornare alla mente la trama del libro "Schiavi degli invisibili":

"Siamo nel 2015. Il futuro, il mondo anche dopo di noi. Delle insolite morti colpiscono dapprima alcuni scienziati americani poi altri in tutto il mondo. Chi per infarto, chi per suicidio. Non può essere una casualità. Ad indagare sui casi Bill Graham, una sorta di agente segreto. Dalle indagini emergono dettagli singolari. Alcune vittime hanno il braccio pitturato di tintura di iodio. Prima di morire avevano assunto della mescalina. Erano quasi tutti in contatto tra di loro, in rete. Seppur tramite discipline differenti, ognuno di loro sembrava interessarsi allo stesso fenomeno. Ed è proprio l’oggetto dei loro studi a condannarli a morte." (Tratto da QUI)



Torna al forum . . .

Pagina: 1 . . . 93 94 95
In programma 
Febbraio 2020
  1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
Galleria 
Ultimo post 
MLD presenta 
MondoLapDance - Tutti i diritti riservati - P.I. 00991140195